post

“L’unica malattia ? l’omofobia!”

In migliaia hanno partecipato al presidio di protesta contro il convegno omofobo ospitato e patrocinato dalla Regione Lombardia del leghista Roberto Maroni.

Gli interventi del convegno si sono basati sulle aberranti e insensate affermazioni che l’omosessualit??? una malattia e che la famiglia ??sotto attacco per i piccoli e quasi invisibili passi avanti fatti nella lotta contro l’omofobia e per i tentativi di parificare le coppie omosessuali a quelle eterosessuali. La Regione ha messo a disposizione una sala del Pirellone e il Presidente Maroni ha concesso l’uso del logo Expo 2015 e ha assistito al Convegno seduto in prima fila. A tale riguardo si ??espresso anche il Segretario Generale del Bie, l’organizzazione che vigila sulle Fiere mondiali, Vincente Gonzales Loscertales, dichiarando: “La nostra opposizione ??frontale, utilizzare in modo abusivo a fine politico il logo non ??accettabile ed ??in contraddizione con i valori di Expo e del Bie”?. Il senatore del PD Andrea Marcucci ha annunciato un’interrogazione parlamentare.

Il convegno ??stato organizzato da alcune associazioni cattoliche “fondamentaliste” (Alleanza Cattolica, Fondazione Tempi, Obiettivo Chaire e Nonni 2.0) ed???stato scandito da interventi di chi propone sistemi pedagogici e psicologici “per riconoscere l’omosessualit? nei pi? piccoli e quindi assisterli”? e la presentazione di ricercatori clinici che mettono in dubbio l’esistenza dei diversi orientamenti sessuali riconosciuti da tutto il mondo scientifico, portando a dogma i testi di Joseph Nicolosi, lo psicologo statunitense noto per le sue “Teorie riparative dell’omosessualit?”?, un metodo per mutare i gay in in eterosessuali o quanto meno reprimere i loro desideri e comportamenti.
Tra i relatori massimi esperti di idee radicali: Massimo Introvigne, sociologo torinese coordinatore della libert? religiosa e responsabile del movimento Allenza Cattolica, difensore della famiglia tradizionale (uomo e donna); Costanza Miriano, autrice del libro “Sposati e sii sottomessa”; lo psicoterapeuta Marco Scicchitano; Padre Maurizio Botta dell’oratorio San Filippo di Roma (che in un intervista dichiar? che l’omosessualit? ? una tendenza misteriosa); l’ideologo Mario Adinolfi, ex parlamentare, autore del libro “Voglio la mamma”? e fondatore del quotidiano “La Croce”, tra le cui pagine si possono “apprezzare” interventi come quello dell’avvocato Gianfranco Amato, Presidente dei Giuristi per la vita, che ha paragonato i gay agli animali.

Per contrastare e protestare contro queste ideologie retrograde che negano diritti umani e civili alle persone lgbt, il gruppo “I Sentinelli di Milano”?, nati per rispondere con le parole al silenzio delle Sentinelle in piedi (che protestano affinch? questi diritti non siano riconosciuti), ha organizzato una contro-manifestazione, insieme ad Arcigay, Pd, Sel, Lista Tsipras, i sindacati Cgil e Uil e la ONG umanitaria Emergency.
Davanti al Palazzo della Regione Lombardia si ??svolto il presidio “L’unica malattia ? l’omofobia”?, a cui hanno partecipato varie associazione lgbt, tra cui Agedo Milano, e che ha visto la partecipazione di centinaia di persone, tra cui famiglie “tradizionali”? e persone eterosessuali che hanno gridato la loro indignazione rivolta al Presidente Maroni per l’appoggio e la partecipazione a un’iniziativa cos? palesemente omofoba e a cui un’istituzione dello Stato non dovrebbe partecipare.

[envira-gallery id=”423″]